Sassi e nuvole.

Erano giochi di bimbe, ricordi? Durante quegli assolati pomeriggi d'estate. C'era la libertà; niente compiti e nessun impegno. Le biciclette appoggiate sul muretto ci aspettavano; mute e discrete, ci guardavano divertite, mentre noi giocavamo con la fantasia. Avevamo quella, l'erba, il cielo, le nuvole e i sassi. Tutto ciò che la terra generosamente offriva, diventava [...]

Lettera

Dicono che per liberarsi di un dolore bisogna viverlo visceralmente, dall'inizio alla fine. Consigliano anche di  scrivere una lettera a colui/colei che provoca tanta sofferenza, ma senza spedirla; bisogna bruciarla e lasciare che il fumo che ne scaturisce porti via il dolore e le lacrime. Ho provato a vivere questo dolore. E' da tanto che [...]

Impavidi in quell'abbraccio violento e gentile. Fra loro uno steccato, muto e inutile confine. L'amore si riconosce fra i fili d'erba e la pioggia fitta. Un richiamo, un nitrito; l'incontro privato di un sentimento senza specie. Godevano di quella affinità, tutta loro e inviolabile. In quel momento ho provato amore per entrambi: uomo  e cavallo, [...]

Star Trek

Sono nata con loro. Ricordo il pane e formaggino mangiati sul divano in attesa di quella nuova puntata di Star Trek (Serie Classica). C'era il Capitano Kirk, scanzonato, determinato e latin lover. C'erano i costumi strani, il dott. Spock, Bones, Scotty, Uhura. Quanto li ho amati. La loro intraprendenza, il loro coraggio, quel continuo confrontarsi [...]