Accettazione

CIÓ CHE NON SI PUÒ CAMBIARE, VA ACCETTATO.

Si, facile a dirsi. E la tenacia, la caparbietá, l’impegno? Mi sono sempre state spacciate per “qualitá”. E ora, alla mia veneranda etá scopro che non é cosí. É sottile il confine che separa quelle doti, cosí positive, dall’incaponirsi dietro a situazioni immutate e immutabili nel tempo.

Ció che esula le nostre intenzioni e le nostre fatiche va preso per quel che é: un ristagno fermo e melmoso che minacciosamente rischia di ingoiarci, agevolato dal nostro infruttuoso dibatterci in cerca di soluzioni unilaterali.

A niente valgono il rammarico, i rimuginamenti, la colpa e il dissenso. La logica in questi casi, va messa da parte e rinchiusa in un contesto che non consenta ripensamenti.

Ricorrendo all’accettazione si cresce e si matura ma anch’essa deve andare oltre. Non puó essere esclusivamenre cosciente e razionale; deve obbligatoriamente nascere dal profondo. Da quella parte di noi che sa quanto l’Accettazione sia l’unica via percorribile verso la serenitá.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...