Lettera

fine-di-un-amore-e1470299234803

Dicono che per liberarsi di un dolore bisogna viverlo visceralmente, dall’inizio alla fine. Consigliano anche di  scrivere una lettera a colui/colei che provoca tanta sofferenza, ma senza spedirla; bisogna bruciarla e lasciare che il fumo che ne scaturisce porti via il dolore e le lacrime.

Ho provato a vivere questo dolore. E’ da tanto che me lo porto dentro. Lui è dentro, dietro, sopra e sotto. Sta dappertutto e non mi lascia un attimo. Non si affievolisce e non si placa. Mi sveglio la mattina e lui è già lì a bordo letto che aspetta che mi infili la vestaglia e le ciabatte, per parlarmi ancora e ancora di te, di ciò che è stato e di ciò che poteva essere.

Vorrei dirtelo in faccia ma non hai mai accettato il confronto; tu ne hai paura. Non sapresti sostenere il mio sguardo e le mie parole che sicuramente non sarebbero né dolci, né amorevoli. O forse si, lo sarebbero.

Dunque, dopo questa doverosa premessa, mio caro, sento prepotente il bisogno di affrontare una volta per tutte, anche se unilateralmente e per l’ultima volta con il mio cuore, ciò che ci ha diviso, tanto tempo fa. E lo farò attraverso questo blog perché non voglio dimenticare. Voglio che rimanga traccia di tanto amore e voglio un giorno rileggere queste righe sorridendo, perchè quella volta io starò bene e avrò scordato il patimento e gli squarci dell’anima.

Quanti anni siamo stati assieme? Tu non te lo ricordi nemmeno. Penso tu abbia rimosso tutto, le volte che mi sono presa cura di te e le volte in cui per te mi preoccupavo. Cosa ci potevo fare? Io sono così, quando amo, mi preoccupo. Ci metto il cuore e tutto il sangue che ho in corpo per quello in cui credo e nella nostra storia io credevo. Ci credevo davvero. Sognavo di invecchiare con te. Sognavo che tu mi tenevi per mano fino alla fine e che niente sarebbe stato insuperabile assieme. Sognavo una casa, un cuore caldo e accogliente, abitato da noi due stretti stretti.

Sognavo si.. ma lo facevo solo io.

Tutte idee mie, tutte fantasie di una donna innamorata di cui tu sicuramente ignoravi l’esistenza.

Lo sapevo. Tutti i miei accenni a un futuro insieme, a prendere casa e all’invecchiare abbracciati, li schivavi. Eludevi ogni argomento al riguardo. Avrei dovuto accorgermene.

Così un giorno te ne sei andato per sempre. Senza voltarti, senza guardarmi negli occhi, senza nessuna spiegazione e senza alcun apparente motivo.

Cosa ti avevo fatto? Cosa non avevo fatto?

Ancora non ho trovato una risposta certa, solamente qualche supposizione, avvalorata dal mio bisogno disperato di “sapere”. E comunque, mai saprò.

Ma la vita deve andare avanti, mi hanno raccomandato. Devi dimenticare, non ti meritava, non valeva la pena. Spesso opinioni non richieste che hanno lasciato ancora più vuota la mia povera anima.

Da quel giorno non ho più amato, forse nemmeno me stessa e la vita mi scivola addosso come goccia d’acqua sul vetro appena pulito. Ma io non mi sono sentita affatto pulita. Sensi di colpa, rimpianti, desideri inesauditi. Tu non sai quante volte avrei voluto venire sotto casa tua per farti sentire tutta la mia rabbia, il mio male e la mia disperazione. Quante volte avrei voluto ferirti e vedere sul tuo viso la stessa smorfia che c’era sul mio. Alcuni giorni il dolore si faceva insopportabile. Come avrei fatto a vivere senza te?

Ancora non lo so. Ci sto provando. Davvero. Sto scavando, sto graffiando con le unghie la crosta che si è formata attorno al mio cuore. Fatico a sentirlo. A volte batte in maniera spasmodica, rabbiosa, come se fossero gli ultimi battiti della sua povera vita. Altre volte invece muore e io non lo sento più. E sempre, sia rabbia che morte, sono dedicate a te.

Quando il mio cuore riprenderà a battere con gioia e sarà di nuovo capace di esultare, guardando altri occhi, in quel preciso istante tu sarai solamente un vecchio ricordo. Una vecchia storia (come tu hai definito me) e tale rimarrai nei secoli dei secoli. Solo una vecchia, inutile storia.

Non riceverai mai questa mia missiva ma per me è stato importante scriverla. E’ stato liberatorio e tutto questo mi permetterà di svincolarmi dal ricordo di un uomo che non mi ha mai amata!

2 risposte a "Lettera"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...