Star Trek

images

Sono nata con loro.

Ricordo il pane e formaggino mangiati sul divano in attesa di quella nuova puntata di Star Trek (Serie Classica).

C’era il Capitano Kirk, scanzonato, determinato e latin lover. C’erano i costumi strani, il dott. Spock, Bones, Scotty, Uhura. Quanto li ho amati. La loro intraprendenza, il loro coraggio, quel continuo confrontarsi con l’ignoto. Era bello sognare fra le stelle, con loro a bordo di quella prima Enterprise che sembrava un giocattolino scarno, incapace anche di mettersi in moto. Ma con la fantasia si può tutto..

Anche trovare un Capitano francese, Jean Luc Picard, così elegante, affascinante e corretto nella sua severa dignità. Con lui Riker, Troy, LaForge, Worf, Guinan e Data. Data, l’androide che voleva fermamente diventare “umano”; chissà perché poi??!!! La serie che ho amato di più e per la quale ancora adesso mi emoziono. The Next Generation è stata un pilastro per me, nella mia crescita, nei miei obiettivi che mi ha insegnato a perseguire con costanza e onestà.

Onesto era anche il Capitano Sisko in DS9, con un incarico così impegnativo eppure costretto a crescere da solo un ragazzo quasi adolescente. Era quella stazione spaziale che costantemente ruotava su se stessa ai confini tra lo spazio della Federazione Unita dei Pianeti e l’Unione Cardassiana. Un crogiuolo di razze e di istinti, talvolta violenti e crudeli ma più spesso placati da animi diplomatici e compromessi territoriali. Odo, il mutaforma, Jadzia Dax la Trill, Kira Nerys la ribelle, Bashir il medico di bordo e Quark il viscido e disonesto gestore del bar.

E Star Trek Voyager a seguire. Un equipaggio diretto con magistrale autorevolezza dalla prima donna capitano della storia di Star Trek. Kathryn Janeway , forte e altruista, mai intimidita e mai inibita nemmeno dal più impetuoso e prepotente nemico alieno. Con lei Chakotay, Tuvok, Kim, la mezza Klingon Torres e il medico olografico.

E poi?

E poi sono cresciuta e ho smesso di sognare fra le stelle.

Il prossimo viaggio però, sarà mio!!!!!

Space: the final frontier. These are the voyages of the starship Enterprise. Its five-year mission: to explore strange new worlds, to seek out new life and new civilizations, to boldly go where no man has gone before.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...